.

Strumenti a pagamento per emergere come fotografo di matrimonio

dicembre 27, 2016 by · Leave a Comment
Filed under: Marketing 

Spesso per imporsi sul mercato ed avere successo non basta svolgere il proprio lavoro nel migliore dei modi. Spesso occorre costruirsi una buona visibilità. Nel settore della wedding photography on line la concorrenza è molto alta. Ma quali sono le mosse che permettono ad un fotografo di matrimoni di essere privilegiato rispetto agli altri nella competizione sul web?  

Sicuramente è una buona partenza l’iscrizione ai siti dedicati al mondo wedding come Matrimonio.com.  Per iniziare a far sapere al pubblico della propria esistenza in una determinata città. Siti come questi permettono di entrare in contatto con i professionisti del mondo del matrimonio e con i potenziali clienti. Non è escluso che solo grazie alla presenza su siti come questo inizino ad arrivare richieste di preventivi e appuntamenti e di conseguenza anche le prime recensioni positive.

Ma prima ancora di annunciare al pubblico la propria presenza sul mercato occorre crearsi la giusta immagine da comunicare. Tutto sta nel conoscere le migliori tecniche legate alla SEO. Per posizionarsi in modo ottimale sui motori di ricerca non basta conoscere le norme basilari, ma occorre prendere in considerazione tutte le novità che permettono di ottenere una visibilità maggiore di tanti altri concorrenti. Anche le campagne SEM su Google Adwords portano clienti, ma si tratta solo di un effetto collaterale che scompare non appena lo spot viene superato. Al contrario se l’obbiettivo del professionista è quello di conservare una buona visibilità nel tempo la SEO è ovviamente il processo migliore da seguire. Non servirà a fare avere i primi appuntamenti, ma a costruire una posizione solida che darà i suoi frutti in tutto il corso della professione. Basta scegliere le keyword che siano veramente giuste e poi non resta che programmare il proprio sito web in modalità portfolio.

 Anche Facebook e gli altri social network potrebbero essere utili. Tramite le campagne sponsorizzate che rimandano al modulo della richiesta di preventivo presente sul vostro sito.  

HDDS Vision e i monitor digital signage

dicembre 23, 2016 by · Leave a Comment
Filed under: Aziende 

HDDS Vision è un’azienda specializzata nella fornitura di soluzioni per il digital signage in grado di lavorare in totale sinergia creando monitor digital signage basati su qualunque tipo di display, inclusi quelli touch screen. Le proposte a disposizione sono molteplici, e variano in funzione delle esigenze che devono essere soddisfatte: alle vetrine segnaletiche digitali possono ricorrere, per esempio, gli enti pubblici e le istituzioni che si occupano di turismo, ma anche le agenzie immobiliari, i ristoranti, i negozi o qualsiasi altra attività commerciale che voglia farsi conoscere o intenda promuovere i propri prodotti e i propri servizi.

Un esempio può essere individuato nei totem interattivi, in virtù dei quali possono essere realizzati dei punti informativi che si basano sul digital signage non solo in luoghi all’aperto, ma anche in spazi chiusi. Tali totem, così come i contenuti che vengono diffusi, possono essere personalizzati come si vuole, nei materiali e nei colori, e non c’è bisogno di procedere all’esecuzione di interventi specifici a livello di installazione. Nel caso in cui si sia interessati a usufruire di un sistema interattivo, poi, si può optare per la variante touch screen da esterno e da interno.

Il sistema proposto si fa apprezzare, tra gli altri pregi che lo contraddistinguono, per la sua versatilità e per la sua flessibilità, doti che consentono di progettare e di realizzare vetrine in grado di offrire un impatto emotivo molto forte a chi le guarda. Un altro aspetto che merita di essere messo in evidenza ha a che fare con la semplicità di inserimento dei contenuti e il loro aggiornamento: tutte le informazioni e tutti i messaggi possono essere inseriti, cancellati, integrati o variati in tempo reale. Ma non è detto che si sia costretti a sfruttare il real time: volendo, si può anche scegliere di pianificare la diffusione dei contenuti in anticipo, programmandola – per esempio – su base quotidiana o su base settimanale.

Costruire un’efficace strategia di web marketing: da dove iniziare?

dicembre 12, 2016 by · Leave a Comment
Filed under: Aziende 

Le vendite negli store fisici sono nettamente calate negli ultimi anni, e ciò è imputabile a diversi fattori; tra questi figura però un aspetto molto importante: la nascita degli e-commerce.
Grazie a questi veri e propri negozi sulla rete, le persone possono fare shopping stando comodamente sedute sul proprio divano, e ciò ha prodotto una risposta molto positiva da parte dei consumatori.
Tuttavia, la nascita e la crescita di un e-commerce non è mai molto semplice, al contrario prevede un lungo lavoro strategico di web marketing per guadagnare la fiducia dei propri clienti.

Poiché quando si decide di acquistare negli e-commerce non è possibile avere a che fare con una persona reale, è di estrema importanza che i clienti si sentano tutelati quando spendono i propri soldi (che, seppur ‘invisibili’, sono molto reali); pertanto, un sito di e-commerce che si rispetti deve stringere accordi con altre grandi aziende affermate nel panorama del pagamento online, come ad esempio Paypal, e sfruttare la fiducia che un nome di questa portata suscita negli acquirenti per trarre profitto ed aumentare i propri guadagni.

Inoltre, ai fini pubblicitari, è opportuno far conoscere il nuovo sito di e-commerce su tutti i principali canali social, pubblicando ogni giorno nuovi post e proponendo costantemente promozioni vantaggiose, in modo da mantenere vivo l’interesse dei clienti.
Anche l’ottimizzazione SEO è fondamentale nell’elaborazione di una strategia di web marketing, perché in questo modo i motori di ricerca mostreranno il sito dell’e-commerce tra i primi risultati, aumentando quindi il traffico sul sito web.
L’ottimizzazione SEO può essere attuata sia con l’inserimento delle informazioni dell’e-commerce in diverse banche dati online consultabili dai motori di ricerca (ed a questo proposito, affinché si possano ottenere risultati concreti, è necessario che le informazioni siano assolutamente identiche in ogni singola banca dati utilizzata), sia con l’investimento di somme di denaro più o meno elevate che garantiscono un piazzamento migliore rispetto ai competitors nelle ricerche.

Infine, ma non meno importante, è necessario offrire un servizio efficiente, grazie al quale i clienti possono contribuire alla pubblicità dell’e-commerce con commenti positivi, i quali vengono riconosciuti anche dai motori di ricerca.

Google Adwords: che cosa è il remarketing e come funziona

dicembre 1, 2016 by · Leave a Comment
Filed under: Marketing 

Sono trascorsi diversi anni da quando Google AdWords ha esordito nel web diventando il protagonista del Marketing Digitale, una “realtà virtuale” sempre più complessa e competitiva.

Certamente il programma si è evoluto e oggi si mostra completo ed efficace, scientificamente articolato. Il merito della sua evoluzione positiva può indubbiamente essere attribuita ai sofisticati strumenti analitici e di persuasione di cui è stato dotato.

Determinante per il successo dell’applicazione ha assunto il Remarketing o Retargeting, una nuova modalità pubblicitaria che si presenta come una forma di marketing comportamentale. La sua applicazione richiede infatti oltre che ottime conoscenze informatiche anche una buona preparazione umanistica e nozioni di psicologia comportamentale.

Il Remarketing consiste in un richiamo indiretto al sito sponsorizzato, dopo aver tracciato le visite online ed aver individuato un pubblico target sul quale la campagna pubblicitaria non ha prodotto conversione al primo tentativo.

Convertire l’utente in internet consiste nel fargli compiere l’ “azione desiderata”, o “azione richiesta” progettata cioè come finalità della campagna pubblicitaria. Essa può consistere nell’acquisto di prodotti, nell’effettuare contatti al sito, al blog, alla pagina web, o più semplicemente, nel procedere all’iscrizione.

Condurre l’utente a divenire cliente effettivo di un determinato sito sponsorizzato costituisce l’apice di ogni campagna strategica, il massimo livello raggiungibile. Le aziende e le attività commerciali aderiscono ad una camapgna pubblicitaria Google AdWords in qualità di inserzionisti con il preciso scopo di potenziare le vendite.

Si presume infatti che l’utente in internet per acquistare conosca già, se non il sito in cui approdare, il prodotto oggetto della richiesta. Deve semplicemente essere guidato dal sistema informatico ad ottenere l’oggetto del desiderio in modo rapido ed efficace. Il SEO e le pagine di ricerca di Google sono strumenti più che sufficienti al raggiungimento dell’obiettivo.

La prospettiva cambia totalmente nel momento in cui l’azienda si propone di aumentare clientela e vendite ed aderisce a Google AdWords per impostare una campagna pubblicitaria mirata al raggiungimento di questa finalità. Nel caso, vengono messi in atto meccanismi di Web Marketing complessi basati sul pay per click.

Sappiamo bene che è utopistico pensare di realizzare nel breve tempo ogni ambizioso progetto di marketing strategico. Il successo non è scontato né garantito e, se arriverà, si manifesterà dopo un lungo percorso. Avverrà per step successivi che fidelizzeranno i visitatori fino a farli giungere gradualmente all’acquisto o alla conversione.

Se tuttavia, nonostante l’utilizzo di risorse umane e tecnologiche, l’utente/visitatore non compirà l’azione decisiva e non si trasformerà in cliente, né si convertirà, Google AdWords offre la possibilità di ricorrere al remarketing o retargeting. Le modalità operative riporteranno il visitatore al nostro sito, da cui è uscito per scarso interesse, richiamandolo attraverso attività promozionali da realizzare in siti esterni, diversi da quello che stiamo sponsorizzando.

Come funziona il Remarketing

Le statistiche parlano chiaro quando rilasciano dati secondo i quali soltanto il 2% del traffico web raggiunge la conversione alla prima visita. Per le attività di richiamo quindi, da affidare al Remarketing, resta un margine altissimo, pari al 98%.

Il Retargeting è basato sui cookie e utilizza un anonimo codice Javascript per “tracciare” le visite in internet. Quando si attiva la campagna pubblicitaria viene generato un codice o “pixel”, invisibile ai visitatori e ininfluente per la performance del sito. L’internauta in visita al sito sponsorizzato viene associato ad un cookie anonimo che il codice comunicherà al browser. I visitatori, così tracciati, navigando in rete, consentiranno al fornitore di remarketing di pubblicare annunci mirati a riportarli verso il sito sponsorizzato.

Il Remarketing potenzia la propria efficacia come strumento di branding se viene utilizzato in associazione al marketing inbound e outbound.

Google consente di attivare campagne di Remarketing in AdWords e sulla Rete Display Google. Il Social Network Facebook offre analoghe possibilità.

Puoi trovare maggiori informazioni sulle strategie di marketing digitale sul sito www.reasoluzioni.it

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network